Avviso

Oculari Luminos Celestron: Recensione - Negozio Astronomia

Fonte: Le Stelle n.161 Dicembre 2016


PROVA STRUMENTI
OCULARI LUMINOS CELESTRON
per tuffarsi nel cielo

 

Walter Ferreri
Astronomo presso l'Osservatorio Astro fisico
di Torino, Si è occupato soprattutto di
asteroidi, comete, stelle doppie e del sistema
Plutone-Caronte, Ha dedicato molto tempo
alla divulgazione, nel cui ambito ha scritto
circa una trentina di libri.

 

Serie Completa Luminos


Abbiamo provato una nuova serie di sei oculari targati "Celestron Luminos" dalla notevole caratteristica del campo di ben 82 gradi. E' la serie di oculari più prestigiosa della Celestron, come si evince non solo dalla qualità ottica che abbiamo verificato, ma anche dalla cura con la quale sono rifiniti. Accompagna questa serie una Barlow 2,5x con diametro del barilotto da 2" ma completa anche di riduttore per il 31,8 mm. L'importatore, come sempre per la Celestron, è la Auriga (Milano).

 

Oculari Luminos


Il grande valore del campo abbracciato ci dice subito che questi oculari si rivolgono soprattutto a chi scruta gli astri del cielo profondo, ma certamente non sono da disdegnare per chi desidera osservare i corpi del sistema solare.

Una bella sensazione poter vedere completamente la Luna e il Sole anche ad ingrandimenti elevati.


Già dall'aspetto curato ed elegante delle confezioni si intuisce che si tratta di oculari di ottimo livello, destinati ad astrofili esperti o comunque desiderosi di ottiche dalle alte prestazioni. Al di là della cura, anche le dimensioni non scherzano; quello di focale più lunga - 31 mm - ha una confezione da 14x14x18 centimetri. Le scatole sovradimensionate hanno lo scopo di contenere spesse spugne di materiale plastico che garantiscono una eccellente protezione contro gli urti. Oltre al materiale spugnoso, ogni oculare è protetto da buste in plastica e tappi in gomma ad entrambe le estremità. Un sacchettino di silica-gel previene macchie dovute all'umidità. 

Dei sei oculari, tre hanno barilotto da 2", cioè 50,8 mm, e tre da 31,8 mm; i primi hanno focali di 31, 23 e 19 mm, i secondi di 15, 10 e 7 mm. Naturalmente quelli di focale maggiore sono i più grandi e pesanti, arrivando a una lunghezza di 13 cm per il 31 mm. Ma, in questo oculare non è tanto la lunghezza ad impressionare, quanto il diametro e il peso. Nella parte in gomma per la presa il diametro è di 9 cm ed il peso di 1,2 kg. Quest'ultimo valore ci dice subito che un tale oculare è riservato a strumenti di una certa dimensione e a focheggiatori robusti.

Tutti gli oculari sono caratterizzati da un corpo in alluminio, anodizzato nella parte centrale e posteriore, mentre quella anteriore, ovvero quella che si inserisce nel porta oculare, ha una piccola rientranza per rendere la presa più sicura. Questo accorgimento è particolarmente utile con gli oculari più pesanti. Oltre alla scritta "Luminos", tutti riportano un doppio logo della Celestron, il valore della focale, la scritta "Fully Multi-Coated" (ricordiamo che per convenzione internazionale questo vuol dire che tutte le superfici ottiche hanno ricevuto un trattamento antiriflessi a strati multipli) e l'indicazione del campo di 82 gradi. Infine, in corrispondenza dell'innesto nel portaoculare, in tutti vi è la scritta "China".

Naturalmente, tutti hanno la filettatura per filtri. Il costruttore afferma che il bordo delle lenti è stato annerito per aumentare il contrasto. La parte centrale scolpita in gomma, oltre che per la presa, serve ad estrarre un paraluce (in gomma), di quasi un centimetro e mezzo, per guidare la posizione dell'occhio, in modo da farlo accostare alla distanza ottimale per ogni osservatore. L'estrazione pupillare è molto comoda e varia da 12 mm per il 7 mm a 27 mm per il 31 mm. Per provarli abbiamo utilizzato diversi strumenti, ma per il test in particolare un rifrattore apocromatico di provata qualità, diaframmato in modo tale da farlo lavorare a f11.5, cioè in condizioni tali per cui l'immagine che forma - a parte i limiti dovuti alla diffrazione - si può considerare "perfetta". Poi li abbiamo inseriti in un Maksutov 127/1500 della Sky-Watcher e in un Dobson della stessa ditta. Abbiamo iniziato con il 31 mm che, applicato all'apocromatico, forniva 21 ingrandimenti. Il peso dell'oculare ha richiesto uno spostamento del tubo in avanti e un allontanamento del contrappeso.

Abbiamo per prima cosa osservato la falce lunare crescente, che occupava solo una piccola porzione del campo inquadrato. Al centro del campo l'immagine era, come prevedibile, molto nitida; la sorpresa piacevole è stato il constatare che tale immagine è rimasta molto nitida anche ai bordi estremi del campo, dimostrando come esso è realmente totalmente fruibile. Questo positivo comportamento si è ripetuto con gli altri oculari, dimostrando che il campo utile è totale per tutta la serie. Ai bordi estremi del campo divenivano percepibili delle colorazioni solo in certe posizioni dell'occhio, ma in altre esse svanivano. Con soddisfazione abbiamo constatato come l'astigmatismo, la curvatura di campo e il coma siano stati corretti in modo ineccepibile. Per verificare la distorsione abbiamo puntato una griglia nel cielo diurno verificando con sorpresa come essa fosse del tutto inavvertibile, ai bordi estremi del campo!

Questa è una caratteristica veramente notevole con un campo di 82 gradi. Qui i progettisti sono stati "spietati" con la distorsione: non l'hanno lasciata sopravvivere neppure in minima misura! Naturalmente occorre che i telescopi ai quali vengono applicati siano esenti da queste aberrazioni e, in particolare, presentino un campo piano. Le cose sono andate molto bene anche col Maksutov e col Dobson, i cui focheggiatori erano in grado di gestire anche il Luminos da 31 mm. Naturalmente (in particolare con il Dobson per il corna) con il 31 mm l'immagine non era cosi' perfetta come con l'apocromatico, ma ovviamente di questo gli oculari erano del tutto incolpevoli. Anzi, tutto sommato, l'immagine offerta ci ha meravigliato ai bordi, soprattutto con il Maksutov. Con gli oculari di focale più breve, invece, l'immagine era "perfetta" anche con il Dobson.


Per valutare le riflessioni abbiamo utilizzato sia la Luna (in fase di primo quarto) sia un brillante lampione stradale. Escludendo la componente dovuta agli obiettivi, abbiamo potuto constatare una riflessione molto modesta e talvolta del tutto inapprezzabile. Tra un oculare e l'altro è richiesta una leggera variazione di messa a fuoco, cioè gli oculari non sono parfocali, anche se da uno all'altro la variazione è contenuta.



Valutazione Giudizio Voto


Estetica Buono ****
Rifinitura Ottimo  *****
Meccanica Ottimo  ***
Ottica Ottimo ****
Praticità d'uso Buono  ****
Totale (max 25 ) 22


La filettatura per i fiitri . Si noti, ben evidente, la scritta "China".


CARATTERSTICHE TECNICHE:

  • Focale oculare: 3lmm 23mm 19m 5mm l0mm 7mm
  • Campo 82gradi
  • Numero lenti 7
  • Estrazione pupillare 27 20 20 17 12 12
  • Peso 1,2 kg 8h 5h 3,5h 3h 2,75h
  • Altezza (cm) 13 1 1,5 10 9
  • Diametro massimo - 8 7 ~ - 5,8 5,4,9 6,3
  • Aberrazione sferica (1) - ~
  • Cromatismo (2)
  • Como (3) 
  • Astigmatismo (3) 
  • Curvatura di campo (3) 
  • Distorsione (1) 
  • Riflessi (3
  • Prezzo (€)  323 297 235 154 154 154


Legenda:

  • (1) Inavvertibile.
  • (2) Visibile solo ai bordi in certe posizioni dell'occhio.
  • (3) Trascurabile.


OCULARI CELESTRON:


Che cosa ci è piaciuto di più? L'alto livello qualitativo
Che cosa ci è piaciuto di meno? Il peso di quelli con focale maggiore


Il trattamento antiriflessi è a strati multipli ed è presente su ogni superficie.


Dopo queste prove ci siamo rilassati a scrutare (con un rifrattore da 127 mm a f15 con spianatore di campo) le parti più dense della Via Lattea, apprezzando come con questi oculari sia un autentico piacere contemplare vasti campi stellari; si ha l'impressione di "essere dentro", di far parte del cielo. Anche se il cielo sotto il quale scrutavamo non era certo dei più bui, era assai gradevole ammirare campi ricchissimi di stelle e ammassi aperti e globulari, nonchè nebulose come la M 27.

Infine, la Barlow 2,5x, che ha barilotto da 2" ma che è completa di riduttore per il 31,8 mm. Ci siamo limitati ad utilizzarla con gli oculari Luminos, verificando come la sua introduzione non portasse a peggioramenti, ma, al contrario, come fosse in grado di far divergere il fascio ottico proveniente dall'obiettivo senza limitarne la qualità. E', sotto tutti i punti di vista, di qualità veramente apocromatica, come del resto è intuibile dalla sua costruzione a 4 lenti. Il prezzo è di 198 euro.

E' chiaro che questa serie molto completa di oculari è concepita per quei tipi di osservazione dove il grande campo ha un senso; sarebbe eccessivo utilizzarla solo per i pianeti o le stelle doppie. Come abbiamo già avuto modo di dire, in presenza di un grande campo, al di là del piacere di trovarsi come davanti ad uno schermo panoramico, test pratici hanno dimostrato come sia più facile apprezzare deboli nebulosità.


Ovviamente questa serie è rivolta a un pubblico di astrofili esigenti e in grado di apprezzare ottiche di elevato valore rispetto alle ottiche di qualità media.

Rimarchiamo inoltre come nella focale di 31 mm sia difficile trovare oculari con campi molto vasti; in genere oltre i 25 mm è difficile andare oltre i 50 gradi. A tutte queste qualità positive si contrappone, per chi utilizza strumenti piccoli o non particolarmente robusti, il peso del 31 mm, che per alcuni focheggiatori a cremagliera può creare problemi di tenuta in prossimità dello zenit con fuochi posteriori tipo quelli dei rifrattori.

I prezzi, invece, sono da giudicare assolutamente non alti in relazione a quanto viene offerto.


Si ringrazia l'importatore per l'Italia, la ditta Auriga di Milano (wwwauriga.it) per aver messo a disposizione gli oculari esaminati.

Avviso
Avviso
Avviso
Avviso
Satelliti e Multimedia SAS Sede Legale non aperta al pubblico Largo Rotonda 19 Parco Dei Cedri San Nicola La Strada 81020 Caserta P.IVA 03754520611 Numero REA: CE - 270003
©Tutti i loghi e marchi contenuti in questo sito appartengono ai rispettivi proprietari.
Per Ordini / Ritiro a mano a Caserta e a Frosinone chiamare per appuntamento al 0823 / 1540956 oppure 349 2588243

Negozio Telescopi e Prodotti per l'astronomia in Campania


Negozio specializzato nella vendita online di strumenti astronomici binocoli e microscopi. Prodotti per l'osservazione, lo studio e l'astronomia, con possibilità di ritiro di persona per Napoli, Caserta, Cassino, Frosinone, Roma. Offriamo Prezzi Bassi e scontati su tutti i prodotti proposti. Se cerchi un telescopio astronomico sei nel posto giusto.


Accettiamo come metodo di pagamento: Bonifico Bancario, Paypal, Carta di Credito, Contrassegno e Ricarica PostPay.

I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualita. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalita d'uso dei cookie.